21ª Coppa Città di Picerno  

Exploit di Lorenzo Mossucca al 21° Slalom Coppa Città di Picerno

Il pilota di Melfi su Radical SR4 strappa lo scettro della corsa lucana al potentino Coviello. Sul podio anche il lucerino Palumbo davanti al pluricampione italiano Vinaccia. Nella regolarità per auto storiche si impone Giuseppe Fossa.
Silvana Sarli 5 Maggio 2024

Picerno (PZ) – E’ Lorenzo Mossucca, pilota di Melfi (PZ), il nuovo re dello slalom “Coppa Città di Picerno” la cui ventunesima edizione, andata in scena oggi sulla SP potentina 94, si è decisa per un guizzo della Radical SR4 Suzuki 1600 in gara due con il miglior tempo di 2’16”96 siglato dal pilota della MM Racing che ha reso vano il tentativo di rimonta dei pretendenti alla vittoria effettuato nella terza manche. Dopo un primo giro a “toni bassi” dominato come da pronostico dal potentino di Pignola Carmelo Coviello, vincitore di tre edizioni su Osella PA 21 S 1600, nel secondo passaggio Mossucca ha sorpreso gli avversari calando l’asso vincente. In gara tre la sfida si è accesa fino ai centesimi di secondo, Coviello ha migliorato il tempo, con un finale di 2’17”21, non sufficiente per la vittoria ma per strappare il secondo posto, davanti al lucerino Domenico Palumbo attardato a sua volta di pochissimo, 2’17”63 il tempo del portacolori della Scuderia Vesuvio su Radical SR4 1600.

“E’ stata una vittoria quasi inaspettata – ha dichiarato il neo vincitore della sfida lucana che ha ricevuto anche il premio del 6° Memorial Canio Vazza, assegnato al primo dei piloti locali per ricordare l’appassionato di motorsport e presidente della ASD Promosport prematuramente scomparso-. Non guidavo una Radical da un anno e l’ho presa alla vigilia della corsa con l’intento di provare a mettermi in gioco ma senza ambizioni. L’assetto della vettura in gara due è stato vincente”.

Ha chiuso in quarta posizione assoluta il campano pluri campione italiano slalom Luigi Vinaccia al volante della sua Osella PA 9/90 2000 seguito dalla Formula Gloria Kit SS di Fabio Di Cristofaro e dalla Chiavenuto Suzuki di Giuseppe Palumbo, padre di Domenico e autore di un rientro record in gara 3 dopo la mancata partenza in seconda manche per la rottura della catena. Ultimo piazzamento tra le E2SC e settimo assoluto per la Radical Prosport di Antonio Caivano. Chiudono la top ten il giovane Angelo Lucia su kart Kross Yacar 600 del team Ciracì per la scuderia GretaRacing, Giuseppe Pasqua, primo nello Speciale Slalom, e Saverio Miglionico, mattatore in E1 Italia su A112. A dominare il gruppo N, il più numeroso con 18 partecipanti, è stato Niki Icuchi, al volante della sua Peugeot 106 1.6. Domenico Caputo su Fiat X19 ha conquistato il successo tra le silhouette, Stefano Caivano su Citroen Saxo Vts 1,6 tra le Racing Start Plus, Francesco Turchiarulo su Peugeot 106 Rallye 1.3 tra le stradali in Racing Start. Prestazione in solitaria per Francesco Mascolo sulla Bicilindrica Fiat 500 700 Gr5. Primo tra gli Under 23 e quindicesimo assoluto è Domenico Murino, su Peugeot 106 1.6. Esperienza conclusa positivamente anche per l’unica lady iscritta alla competizione, la giovane Paola Pepe di Potenza, al volante di una Citroen Saxo Vts 1600.

Nella partecipata regolarità turistica, con quattordici vetture impegnate ad effettuare il percorso ad una media non superiore a 39km/h, ha primeggiato Giuseppe Fossa, a bordo di una Fiat Uno Fire 1000 per la Scuderia Vesuvio.

Soddisfatti della riuscita dell’evento, a cui ha assistito un numeroso pubblico, l’Organizzatore Basilicata Motorsport ed il sindaco di Picerno Giovanni Lettieri, presente alla cerimonia di premiazione appena conclusa.

Cerca un Calendario in Archivio